Hotel Doria a Cavi di Lavagna

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Luce negli occhi, la nuova mostra dell’artista comasca Donatella Simonetti, la prima su territorio ligure, è visitabile a Sestri Levante al Convento dell’Annunziata, nell’incantevole “Baia del Silenzio”. Promossa dalla Fondazione Mediaterraneo, in collaborazione con Fi.Ba. la mostra presenta 38 opere, realizzate rispettivamente: nel 2004 i paesaggi marini, e, nel 2012 le opere raffiguranti le architetture genovesi. Sono tutte immagini caratterizzate da un leggero tono freddo, molto suggestivo. A fianco alle fotografie verranno proiettati due video e una videoinstallazione di Olocreativefarm , lo studio creativo comasco che si propone di sperimentare tecniche e rappresentazioni audiovisive e grafiche attraverso la sinergia creativa di tre designer della comunicazione. Il video, sempre raffigurante l’acqua e le atmosfere marine e lacustri, ha sottofondo musicale della band musicale Blue Silk.

Un’installazione che trasporta lo spettatore in un viaggio verso altri luoghi, grazie ad uno sguardo circoscritto, ma intimo e personale, attraverso una piccola finestra affacciata su paesaggi differenti. L’opera assume anche un valore collettivo e interattivo, dal momento che i video dei paesaggi sono stati raccolti in tutto il mondo, chiedendo ad amici, parenti, conoscenti e sconosciuti di inviare un video di ciò che vedono dalla propria finestra.

Il luogo dove stanzierà la mostra è molto suggestivo, si dice che Alessandro Baricco abbia tratto ispirazione per il suo Oceano Mare dalle atmosfere affascinanti della Baia del Silenzio. Questo crea anche una continuazione di Blu Sospesi , raccolta fotografica della fotografa comasca nata dall’ispirazione dal romanzo dello scrittore piemontese, che è già stato in mostra a Como, e vuole andare al di là della letteratura creando una continuum di situazioni interessanti immortalate tra Sestri e Genova. L’artista ha voluto unire, come senso principale della mostra, il mare e l’architettura, il primo elemento naturale e la seconda come artificiali costruzioni dell’uomo. Il titolo ‘Luce negli occhi’ sta a indicare una serie di immagini e frame di video in cui si è quasi accecati dalla luce, esperienza che si po’ vivere quando si arriva in una città sconosciuta e c’è una fortissima luce che non ci fa distinguere la sua urbanistica, la sua intrinseca architettura. Poi pian piano l’occhio si abitua, i muri da sfocati si mettono a fuoco e c’è una diversa consapevolezza del luogo. La mostra si potrà visitare fino al 16 aprile dalle 11 alle 19.30 nei giorni di venerdì, sabato e domenica. In settimana su appuntamento. Tel. 328 2180408.



Altri utenti hanno visitato

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

QUICK INFO:
ORARIO CHECK- IN: dopo le 14.00 | ORARIO CHECK- OUT: entro le 11.00
ORARIO PASTI: PRANZO: 12.30-13.30 | CENA: 19.30-20.30